MUVIS Museo del vino

Il Museo del Vino più grande d’Europa a Castiglione in Teverina

Sabato 19 settembre, l’Equinozio d’autunno sulla piazza del Museo del vino di Castiglione in Teverina, si sono susseguiti poeti da tutta Italia. Oltre duecento spettatori, hanno seguito attentamente la premiazione della IX edizione del Premio Nazionale di Poesia “Vito Ceccani”. Arrivati solo a tarda notte e  solo una fievole luce per ascoltare i versi del vincitore, Umberto Druschovic il poeta di Aosta.

Il Museo del Vino oggi archeologia industriale con sede a Castiglione in Teverina, in provincia di Viterbo, non distante da Orvieto e Civita di Bagnoregio, con un percorso sotterraneo distribuito su 4 livelli, si estende su 3.000 metri quadrati.

Il Museo fulcro di un vasto territorio esteso tra il fiume Tevere ed il lago di Bolsena, in cui si snoda la Strada del Vino della Teverina,  ha trovato sede all’interno dell’ex complesso produttivo dei Conti Vaselli esattamente al centro del piccolo borgo di Castiglione in Teverina.

Lo sfruttamento delle vecchie cantine ha permesso di creare uno spettacolare percorso museale dedicato alla cultura enologica locale all’archeologia della Tuscia.

Lo studio dell’allestimento è stato ottimizzato in modo da ottenere il pieno coinvolgimento dei visitatori.

Sono molteplici le tracce di materiali del mondo contadino ( foto, strumenti, racconti) e vicende storiche ed umane delle Cantine Vaselli (molteplici video, gigantografie, strumenti e macchinari) con la messa in scena di installazioni scenografiche, molti gli aspetti produttivi e della tradizione vinaria territoriale della Teverina.

Proprietario originario fu il Conte Luigi Vannicelli Casoni, dove il Conte Romolo Vaselli (1898 – 1967) acquistò e  avviò sin dal 1942 , e fu subito molto utile in quanto permise alle famiglie del posto di poter vivere nel periodo della II guerra mondiale e dedicarsi ad una produzione vitivinicola di alta qualità con esportazione in tutto il mondo.

Il percorso al Muvis è consigliato fino in profondità delle cantine, fino a raggiungere la famosa Cattedrale, che custodisce botti più grandi d’Italia, respirando ancora le emozioni e l’identità della comunità che per decenni ha assecondando il ritmo del lavoro nelle vigne, e grazie ad un aumento di nuovi impianti assicura ancora oggi una produzione d’eccellenza, come l’Aleatico, Grechetto, Merlot, Malvasia, Sangiovese, Moscato bianco, Cannaiolo nero.

Le visite si possono effettuare tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Giorno di chiusura martedì


INFO:
www.muvis.it
welcome@muvis.it

Per ulteriori notizie e informazioni: 338 861 88 56
Muvis
piazza del Poggetto, 12
01024 Castiglione in Teverina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su